Il premio Monte Caio al dossier per l’Unesco

Motivazioni: «Un progetto di valorizzazione apprezzato, riuscito e in continua crescita»

Un nuovo impulso e un moto di orgoglio è partito dal nostro Appennino in occasione della consegna del Premio Monte Caio, il premio di cultura assegnato mercoledì nella splendida cornice dell’Arena Sunshine di Tizzano. Proprio sulla nostra montagna si è focalizzata l’edi – zione speciale del Premio, che ha voluto celebrare l’Appennino tosco emiliano, dichiarato nel giugno 2015 riserva Mab Unesco. La giuria ha infatti premiato il lavoro svolto per la candidatura Unesco, che si è concretizzato in un dossier che ha spiegato all’organizzazione internazionale i connotati identificativi di una realtà ambientale, produttiva, storica e antropologica unica. Un dossier da cui è stato tratto anche un libro, edito da Diabasis, dal titolo «Mab Unesco – Persone e natura nell’Appennino Tosco-Emiliano». I più alti rappresentanti delle autorità civili e militari locali (presenti molti dei sindaci dei 34 comuni che rientrano nell’area Mab) hanno assistito hanno alla cerimonia presentata dalla giornalista di Tv Parma Francesca Strozzi che, dopo una breve introduzione, ha lasciato la parola al sindaco di Tizzano, Amilcare Bodria. Dopo i ringraziamenti di rito, Bodria ha constatato la difficile situazione in cui versa la nostra montagna, per poi ammettere: «I mali del nostro tempo non devono essere una scusa per ridurre il nostro impegno. Dobbiamo fare del capitale umano la risorsa strategica da preservare in Appennino. Questa è la finalità dell’Area Mab, solo così la nostra montagna potrà sopravvivere». Il sindaco di Langhirano, e presidente dell’unione dei Comuni Parma Est, Giordano Bricoli ha aggiunto: «Il premio Monte Caio ci offre l’occasione per riflettere sui temi che rappresentano il presupposto su cui è nata l’iniziativa, ovvero la volontà di promuovere il territorio in modo sinergico», mentre Cristina Merusi, in rappresentanza dei Parchi del Ducato, ha sottolineato come «riconoscere l’armonia tra uomo e territorio, come si ripropone la Mab, è fondamentale per il nostro futuro». A premiare gli autori del dossier vincitore del premio sono stati i membri della giuria, primo tra tutti il presidente Fabio Fabbri, che ha letto le motivazioni, ma anche Marianna Cavalli, della Fondazione Andrea Borri, e Serena Brandini, vicesindaco di Tizzano. A ritirare il premio sono stati Filippo Lenzerini, Emiliano Oddone e la curatrice del volume Alessandra Curotti, anche a nome dei colleghi Elena Confortino, Stefano Furin e Rachele Lodi. Dopo l’intervento di Mauro Massa, presidente di Diabasis, la parola è passata all’ideatore e regista politico di questo successo, il presidente del Parco Nazionale Fausto Giovanelli, che si è detto felice che «questo progetto abbia incontrato la sensibilità di diverse generazioni e che sia in costante crescita tumultuosa». Dopo aver invitato tutti a «comprare e studiare il libro edito da Diabasis, per conoscere davvero un territorio che può dire la sua e può sviluppare un orgoglio di appartenenza», Giovanelli ha passato la parola alla consigliera regionale Barbara Lori, chiamata a tirare le fila dell’incontro. La Lori ha sottolineato come la siano state ricercate «molte sinergie per arrivare a questo traguardo, ma si deve lavorare ancora molto. Ben venga, però, che l’area Mab possa rappresentare un volano e un luogo di promozione e sviluppo di sinergie comuni per ridare fiducia ai nostri cittadini».

Schermata 2016-08-05 a 11.52.41

Beatrice Minozzi

Gazzetta di Parma

05/08/2016

 

Il libro

Schermata 2016-08-05 a 12.01.29

Un dossier sul rapporto tra persone, natura legate da un percorso fra Dolomiti e Appennino in un’ottica orientata dal programma MaB-UNESCO (Man and Biosphere Reserve). L’analisi del territorio, lo studio delle fonti, la collaborazione alla definizione delle sintesi e delle strategie, la scelta della zonizzazione e la scrittura del dossier hanno motivato i pensieri e le azioni del gruppo di lavoro sempre coadiuvate dal preparato e appassionato personale dell’Ente Parco.

Acquista il libro con il 15% di sconto