Al “Mercatino di Natale” di Bolzano nasce il “Natale di libri”

Da giovedì 26 novembre in Piazza Walther
Incontri con scrittori di lingua italiana e tedesca

Arrivando al venticinquesimo compleanno il “Mercatino di Natale” di Bolzano, il primo per anzianità e afflusso, offre ai suoi visitatori una nuova attrattiva: “Un Natale di Libri “, una grande festa di scrittori e di libri, una parata di autori di successo e dei loro best seller. Con tanto di libreria la cui vetrina si affaccerà in quella piazza Walther che, per tutto il periodo del Mercatino di Natale, è pitturata dalle tradizionali casette nelle quali si vende tutto ciò che fa parte dell’atmosfera natalizia.
E senza libri”- dice Roberta Agosti, direttore dell’Azienda di soggiorno e turismo di Bolzano che da sempre cura la regia del Mercatino- “che Natale è? E’ nato così Un Natale di Libri: l’abbiamo concepito come una grande festa di libri, di scrittori, di gente che può trovarsi a tu per tu con gli autori preferiti.”.
Ideata dal giornalista Guido Vigna,la formula di “Un Natale di Libri” è molto semplice. Nelle quattro settimane dell’Avvento, da giovedì 26 novembre al 23 dicembre, saranno invitati a Bolzano quattordici scrittori, sia italiani sia d’oltralpe: presenteranno le loro ultime fatiche, fiancheggiati, perlopiù, dai direttori dei tre quotidiani locali. Gli incontri avverranno il giovedì, il venerdì, il sabato e la domenica di ognuna delle quattro settimane.
A Natale non può mancare il volontariato, qui proposto attraverso un confronto con chi ha deciso di dedicare la propria vita alla risoluzione e alla divulgazione delle problematiche che affliggono i paesi del terzo mondo. Tra gli ospiti infatti anche lo scrittore e critico gastronomico Edoardo Raspelli che presenterà il libro della figlia Simona, volontaria in Africa, dal titolo “Anche la luna è capovolta”.
Ci saranno anche Vittorio Feltri, Marcello Simoni, Mario Giordano, Silvia Zucca, Micaela Jary, il So kocht Südtirol Team, Repubblica (con uno speciale sull’Alto Adige), Kurt Lanthaler, Susanna Tamaro, Eva Rossmann, Gian Antonio Stella, Elisabetta Gnone, Claudio Magris, Inga Marie Ramcke, Tonia Wiatrowski e Mauro Corona.
Per ulteriori informazioni:
Ufficio Marketing – Marketingabteilung
Azienda di Soggiorno e Turismo Bolzano – Verkehrsamt der Stadt Bozen
Piazza Walther Platz 8
39100 Bolzano Bozen
Tel. +39 0471 307040     Fax +39 0471 980300
marketing@bolzano-bozen.it
www.bolzano-bozen.it
IL NATALE DI LIBRI:
GLI INCONTRI SETTIMANA PER SETTIMANA
venerdì 27.11
Vittorio Feltri
sabato 28.11
Micaela Jary
domenica 29.11
Simona Raspelli
giovedì 3.12
Mauro Corona
venerdì 4.12
Marcello Simonisabato 5.12
Mario Giordano

domenica 6.12
Silvia Zucca

lunedì 7.12
So kocht Südtirol Team

martedì 8.12
Repubblica: “Guida all’ Alto Adige”

giovedì 10.12
CS Franz Magazine presentazione nuova guida sull ́Alto Adige “Josef”

giovedì 10.12
Kurt Lanthaler

venerdì 11.12
Susanna Tamaro

sabato 12.12
Eva Rossmann

domenica 13.12
Gian Antonio Stella

giovedì 17.12
Elisabetta Gnone

venerdì 18.12
Claudio Magris

sabato 19.12
Inga Marie Ramcke, Tonia Wiatrowski

Alcida e il Novecento oggi la presentazione al palazzo del Vescovado

OGGI POMERIGGIO
La Cingi presenta «Alcida e il ‘900».

Si svolgerà oggi alle 17 nella sala Colli del Palazzo vescovile, la presentazione del libro edito da Diabasis «Alcida e il Novecento», di Elvira Fangareggi Cingi, con opere di Anna Cingi all’interno.
Saranno presenti Pierluigi Castagnetti, lo storico dell’arte Massimo Mussini e Marina Cingi Bianchini che per anni è stata insegnante di chimica nel nostro ateneo. Coordinerà
l’incontro Mauro Massa presidente della Diabasis.

Gazzetta di Parma 04/11/2015 pag. 18

cingi Articolo

 

Il Libro

 

Cop alcida per stampa

Una finestra si socchiude a spiare la nascita di una bambina, si allarga sul ménage di una famiglia, si spalanca sulla vita di una città e diventa una vetrata su un’epoca. I protagonisti sono povera gente che si barcamena come può cercando di mantener fede, sin dove ne è capace, ai valori indicati dai padri. Il racconto è il primo lavoro in prosa della poetessa Elvira Fangareggi Cingi che viene pubblicato e vede la luce postumo.